La curiosa storia di DC-2, il primo robot arrestato dalla polizia

Correva l’anno 1982, quando il robot DC-2 della società Android Amusement comparve sulle prime pagine dei giornali e in tutte le notizie. Era diventato il primo robot ad essere arrestato dalla polizia, rifiutandosi di identificarsi e scappando gridando “Aiuto! Stanno cercando di disassemblarmi!”

Un robot di quasi 40 anni fa che corre, parla e scappa dalla legge? Perché la polizia dovrebbe voler arrestare un robot? Racconteremo la curiosa storia di DC-2, il primo robot della storia arrestato dalla polizia, per gentile concessione del canale YouTube di LGR.

Nel 1977, il primo film di Star Wars provocò una rivoluzione sociale, in molti più aspetti di quanto immaginassimo. Ha reso alla moda robot carismatici come R2-D2 e robot utili come C3-PO, quindi molte aziende hanno lanciato la produzione di robot che emulavano quelli del famoso film. Gene Beley era un giornalista che rimase colpito da un discorso sui robot del grande scrittore Ray Bradbury, al punto da lasciare il lavoro e fondare la sua azienda di robotica, Android Amusement, nel 1979.

Ha progettato diversi robot telecomandati destinati a intrattenere convegni e feste. Suonavano musica, raccontavano barzellette e portavano da bere. Nel 1982 ha progettato il suo Android più avanzato, DC-2. Portava anche un vassoio per trasportare le bevande, ma aveva un televisore sul petto che poteva essere collegato a un computer Commodore VIC 20 per giocare ai videogiochi o un video VHS per guardare film. Inoltre, integrava una stazione radio nel suo involucro per riprodurre musica e una radiocassetta per ascoltare i messaggi registrati su nastro. È diventato così famoso che è apparso persino su riviste come National Geographic:

Come è diventato il primo robot fermato dalla polizia?

Il DC-2 era controllato a distanza da un operatore che lo spostava, e poteva parlare fingendosi il robot, con l’aiuto di un microfono. In effetti, sembrava più un trucco da mago che un androide high-tech. Costava tra $ 9.000 e $ 20.000, a seconda degli extra, quindi non era alla portata di tutti. Ma vendeva bene con persone ricche ed eccentriche, che lo usavano per l’intrattenimento durante le loro riunioni.

Ha anche avuto modo di partecipare alle feste della Playboy Mansion:

Ma poi si è verificato l’incidente per il quale il DC-2 sarebbe passato alla storia.

Il 18 agosto 1982, DC-2 distribuiva annunci pubblicitari per le strade di Beverly Hills. La gente si accalcava intorno a lui, al punto da bloccare il traffico. La polizia è andata sul posto e ha trovato il simpatico robot circondato da persone. Gli agenti non sapevano che fosse controllato da telecomando, quindi hanno gridato al proprietario del robot di identificarsi. Non ha avuto risposta. Approfittando di una svista, DC-2 è fuggito gridando: “Aiutami! Stanno cercando di smontarmi!”. Naturalmente, era la voce della persona che lo gestiva, che si stava divertendo molto.

Ma la polizia si è innamorata dell’inganno, così hanno deciso di arrestarlo e portarlo in questura. DC-2 era diventato il primo robot della storia ad essere arrestato dalla polizia: DC-2 LGR Non ci volle molto perché gli agenti scoprissero chi lo possedeva, perché dopotutto DC-2 stava distribuendo pubblicità per Android Amusement.

Dopo aver interrogato Gene Beley, si è scoperto che il robot era azionato dai figli di Beley, di 15 e 17 anni, che avevano preso l’androide dal furgone del padre e si stavano divertendo con esso.

Essendo minorenni, la polizia non ha sporto denuncia, ma ha dovuto pagare una multa di 40 dollari e frequentare un corso di rieducazione civica.

La curiosa storia del primo robot fermato dalla polizia è apparsa su tutti i giornali e il DC-2 è diventato una celebrità. È venuto a partecipare a film come Covergirl e alla mitica serie Sad Song di Hill Street.

Nel corso degli anni, i robot di intrattenimento hanno smesso di essere una novità e sono passati di moda. Android Amusement è stato chiuso e le poche unità robotizzate DC-2 rimaste sono in mostra nei musei e nei siti Web dei collezionisti.


2 commenti su “La curiosa storia di DC-2, il primo robot arrestato dalla polizia

  1. Orion70 Rispondi

    Meraviglia!!! Vorrei aver avuto un (finto) robot come questo per impressionare i miei amici. Per un attimo ho pensato che potesse essere comandato da software del VIC collegato, anche perché di “interfacing projects” ce n’erano parecchi all’epoca. Ricordo ad esempio il braccio meccanico della Markt und Technik tedesca, ma anche altri (la stazione meteo, radio HAM, ecc.).
    Comunque, permettetemi una battuta: questo robot all’epoca vedeva molta più f…a di quanta ne abbia mai vista io nella mia vita 🙂

  2. alex Autore articoloRispondi

    Vero, il VIC era di supporto solo per i giochi nel monitor incorporato nel “robot”….
    ma che giocattolino!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.