Un VIC 20 e la sua storia

Il Vic con una storia… Ecco un computer che solleva sempre delle domande quando le persone lo vedono al museo. La sua base è un Commodore VIC-20 molto standard. Ma nella custodia di legno (che è molto ben fatta) c’è una scheda di estensione che consente l’ingresso di più cartucce.

Tutte sono collegate in modo ordinato al VIC-20 e commutabili. C’è anche un programmatore di rom. Sì, miei cari seguaci, questo è stato costruito appositamente per piratare le cartucce del VIC-20 ed essere “backup” su un nastro o su un’altra cartuccia.

Il precedente proprietario mi ha detto che lo usava molto. Abbiamo un po’ paura di accenderlo, dal momento che è tutto molto stretto e molti cavi sottili nel case. Forse nei prossimi giorni. Cosa ne pensi, tienilo così e racconta la storia o prova a farlo funzionare con risultati sconosciuti (non abbiamo documentazione di come va il cablaggio)?

Fonte: HomeComputerMuseum


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.