Omega Race – 1924

Programmato da Ron Haliburton e pubblicato nel 1981, Omega Race era l’unico gioco di grafica vettoriale di Bally Midway e si ispirava agli Asteroidi di Atari. In questo gioco controlli un Omegan Space Fighter e cerchi di distruggere ondate di navi droidi nemiche. La battaglia si svolge in un universo post-2003 su una pista rettangolare. La nave del giocatore rimbalza sui muri invisibili del tracciato.

La strategia è semplice: spara a tutto ciò che vedi ed evita di essere colpito. Una nave extra viene assegnata a 40.000 punti.

Ron Haliburton

Ron è stato il fondatore di Arcade Engineering che è stato successivamente venduto a Midway. Ha anche lavorato per Atari come consulente nel 1985, quando stavano facendo causa allo stato della California per motivi fiscali.

Ron è stato chiamato come testimone per quanto riguarda i pagamenti ricevuti per il gioco di flipper che stava progettando chiamato “Big Foot”. In seguito avrebbe inventato i beepers lampeggianti / vibranti che i clienti ricevono nei ristoranti mentre aspettano che i tavoli diventino disponibili.

Omega Race era in tutte le sale giochi, che erano luoghi di ritrovo molto popolari per gli adolescenti all’inizio degli anni ’80. Sono state create più di 35.000 macchine, una macchina media guadagnava oltre $ 180 a settimana nel 1982.

Versioni con licenza di Omega Race furono rilasciate per la maggior parte delle console per videogiochi domestiche dalla prima metà degli anni ’80, tra cui Atari 2600 e ColecoVision, così come i computer domestici Commodore 64 e VIC-20.

Il miglior remake per sistemi moderni (OSX e Windows) è stato sviluppato da S. Borgquist, nel 2006.

Omega Race 1924 fu rilasciato nel 1981 e fu l’unico gioco di vettori della Bally-Midway, la versione per il VIC 20 venne sviluppata nel 1982 da Andy Frinkel e Eric Cotton.
Curiosità: c’è una sorpresa in questo gioco, cioè se premi contemporaneamente: Commodore, shift e control keys, li lasci e premi la return key, nella schermata del titolo avrai un testo con i crediti dei due programmatori e la data.

Giocabile con Paddle e Joystick

Finkel incorporò nella sua trasposizione per VIC-20 [di Omega Race] ogni dettaglio del gioco da sala giochi, compresi gli effetti sonori ed una trama che appariva durante lo schermo di richiamo. Era un clone quasi esatto del gioco da sala giochi. Quando ebbe finito Finkel optò per acquistare la macchina da sala giochi originale e se la portò a casa per lo scantinato.

Mentre Finkel programmava Omega Race, un’altra squadra guidata da Bill Hindorff creò GORF. Il nome stava per Galactic Orbiting Robot Force. GORF era una versione sofisticata di Space Invaders con diverse modalità di gioco attraverso cinque diversi livelli. Un certo livello consiste nel bombardare alieni nello stesso stile di Galaxian, mentre in un altro livello c’è una grande astronave che un giocatore deve riempire di buchi sparando fino a quando l’alieno all’interno non viene distrutto.GORF era un gioco ambizioso per gli 8 kilobyte disponibili nella cartuccia del VIC-20. “GORF graficamente è più complicato”, dice Finkel. “Fu quello che incise di più nel provare a far sì che ci stesse e funzionasse bene”.

Le esigenze del progetto significavano che per completarlo ci voleva di più di Omega Race. Tutti i programmatori, compresi Jeff Bruette, Eric Cotton, Mike Scott e Jim Snyder finirono per dare qualche contributo al gioco. “Di fatto avevamo varie squadre di programmazione all’epoca”, dice Finkel. “Dopo che la mia squadra ebbe finito Omega Race ci trasferimmo lì ad aiutare le persone di GORF a finire il loro”. Finkel risparmiò tempo riciclando parte del suo codice da Omega Race.Sorprendentemente il GORF del VIC-20 fu una trasposizione quasi esatta del gioco da sala giochi. La differenza principale era che il terzo livello, chiamato Galaxians, dovette essere rimosso dalla trasposizione per violazione dei diritti d’autore sul nome Galaxian.Il terzo gioco dell’accordo Bally-Midway, Wizard of Wor, non sarebbe mai apparso sul VIC-20.

Anche se la Commodore annunciò e pubblicizzò il titolo, lo sviluppo alla fine andò spegnendosi.

Fonte: “Commodore: un’azienda sulla Cresta del Baratro”
https://tinyurl.com/y3zh4nog

Dopo 30’anni un fan ha sviluppato il sequel: Omega Fury

VIC 1924 Omega RaceGioca qui



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.