XXI secolo: imparare l’informatica cominciando dal VIC 20!

Potresti chiederti, se la programmazione del computer è così importante, una scuola moderna non dovrebbe fornire ai suoi studenti gli strumenti per avere successo nel mondo moderno? Allora perché ho equipaggiato il mio club nel laboratorio di fisica con computer che sono stati rilasciati per la prima volta nel 1980 e interrotti nel 1984? Ovviamente con la tecnologia si presume che l’ultima cosa sia la migliore e la cosa della scorsa settimana sia obsoleta e inutile. Questo è ciò che le aziende vogliono farci pensare. Preferisco guardare quale lavoro deve essere fatto e ho scelto lo strumento appropriato per portarlo a termine…..
Articolo originale: Back to the future in (8-bit) Microcomputer Club – part 3

Mettiamola così. Immagina di volere che tuo figlio di dieci anni suonasse in un’orchestra, forse il clarinetto o il violoncello. Senza alcuna conoscenza della teoria musicale, nessuna esperienza di scale e nessuna pratica nella destrezza del movimento delle dita o delle labbra e delle tecniche del respiro, dare loro un violoncello o un clarinetto e metterli in un’orchestra dal vivo non sarebbe un approccio di apprendimento di successo.

Allora cosa facciamo invece? Diamo loro uno strumento più semplice su cui imparare le basi: notazione musicale, scale e così via. Molto spesso lo strumento è il flauto. Ma potresti dire che il flauto è uno strumento per bambini. Ha solo poche note. Non può essere utilizzato per suonare una melodia che chiunque vorrebbe effettivamente ascoltare. Non ha posto nell’orchestra moderna. Nessuno darà un contratto discografico a un “flautista”. Non è solo uno strumento che viene preso sul serio. Eppure il flauto fa il lavoro per cui è stato progettato. I risultati sono rapidi e la teoria può essere appresa prima di passare a uno strumento più sofisticato. È così che si fa nella formazione musicale, è così che si diventa un musicista professionista e tuttavia non è questo, come nazione, il modo in cui abbiamo trattato l’apprendimento dell’informatica negli ultimi decenni.

Non c’è da meravigliarsi quindi che le persone entrino nel mondo del lavoro incapaci di programmare alcun computer. Abbiamo tutti avuto accesso all’intera orchestra senza la minima idea di come funzionassero le sue parti. Dai a un bambino un PC, un Mac o un iPad moderno e costoso e l’ultima cosa che faranno è smontarlo per scoprire come funziona. L’ultima cosa per cui hanno tempo è imparare a programmarlo quando con un semplice clic si possono avere giochi, video e chat incredibili.

È qui che entrano in gioco i miei Commodore VIC20. Sono i flauti dell’orchestra informatica. Con loro possiamo apprendere che il computer non è altro che un banco di interruttori digitali chiamati transistor miniaturizzati per inserirne milioni su un microchip chiamato 6502. La disposizione dei circuiti sul 6502 consente l’invio di codici (in uno e zeri ) che avrà determinati effetti come cambiare un colore o stampare la lettera A su uno schermo. Possiamo imparare un linguaggio stilizzato che è più facile che inserire quegli zeri e quelli che ci consentono di strutturare ciò che vogliamo che il computer faccia. Qui stiamo parlando di dirigere al computer, in un linguaggio molto vicino al suo, senza gli strati di codice di altre persone di un cursore del mouse, finestre e cartelle.

Tutte quelle metafore grafiche rendono le cose più facili, ma in realtà sono più programmi impilati in cima che ci portano sempre più lontano dalla scienza del computer. Solo perché possiamo trovare una clip su YouTube, passare ore su Fortnite o ricevere un sacco di Mi piace su Instagram non ci rende un esperto di computer, ci rende un utente allo stesso modo in cui siamo utenti di lavatrici o aspirapolvere. Non c’è niente di sbagliato in questo, ovviamente, ma dobbiamo avere almeno alcuni di noi che sanno ancora come funzionano le cose. Questo è il mio lavoro come insegnante di scienze. Come ha detto il cosmologo Carl Sagan, “Viviamo in una società tecnologica avanzata in cui nessuno sa nulla di tecnologia”. Si scopre che non sono il solo ad adottare questo approccio. Ci sono varie aziende che tentano di smantellare un PC moderno in un dispositivo più semplice che può essere utilizzato solo come strumento di apprendimento senza la tentazione di andare su Internet e controllare le notifiche. C’è un’enorme comunità di computer retrò là fuori come ho scoperto quando mi è stato chiesto di essere intervistato per un canale. Puoi guardare l’intervista qui:

Ho fatto un tour della configurazione del laboratorio che è stata modificata per essere utilizzata nell’intervista. Puoi visualizzare l’intero tour (ho anche ricevuto alcuni suggerimenti dai ragazzi che hanno progettato il VIC20 per Commodore, hanno scritto i manuali ei giochi attraverso i gruppi su Facebook!)

Sono stato felicissimo di vedere che dopo un anno di gestione del mio club e riparazione di vecchie macchine, il commodore VIC20 / 64 è tornato in produzione l’anno scorso (da RetroGames per £ 109). Ora puoi effettivamente acquistarne uno nuovo, collegarlo a qualsiasi nuovo monitor e salvare e caricare facilmente i tuoi programmi (ne ho preso uno il giorno stesso in cui è uscito).

Alla Fyling Hall insegniamo informatica come parte delle TIC per tutti gli anni utilizzando linguaggi introduttivi come Scratch, Logo e Python. Nel mio club ci stiamo concentrando sull’informatica utilizzando BASIC e linguaggio assembler (che è il codice macchina in esadecimale). È l’equivalente tecnologico dell’insegnamento del latino, che potrebbe non essere usato come lingua parlata ora, ma è la radice di molte lingue moderne e ne supporta l’apprendimento. La lingua del computer è la matematica. Imparare a programmare migliora le abilità matematiche e fornisce una profonda comprensione della logica, nonché lo sviluppo di soluzioni creative fantasiose di problemi. In molti modi è in contrasto con il modo in cui usiamo normalmente i computer oggi in quanto l’altra abilità di cui hai bisogno più di tutto è la pazienza: la programmazione non è veloce, è un processo più lento e ponderato di quanto crediamo in questi giorni nel nostro veloce mondo dei risultati.


Articolo tradotto dall’inglese, qui il link originale:
https://aydinstone.wordpress.com/2021/04/14/back-to-the-future-in-8-bit-microcomputer-club-part-3


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.