Michael Tomczyk

Michael S. Tomczyk è meglio conosciuto per il suo ruolo nella guida dello sviluppo e del lancio del primo microcomputer a vendere un milione di unità, come Product Manager del Commodore VIC-20. I suoi contributi sono descritti in dettaglio nel suo libro del 1984, THE HOME COMPUTER WARS: An Insider’s True Account of Commodore and Jack Tramiel.

Il suo ruolo è anche ampiamente documentato in numerose interviste e articoli. Il VIC-20 è stato il primo computer a colori completo e conveniente e il primo computer domestico ad essere venduto su KMart e altri punti vendita del mercato di massa. Michael è entrato in Commodore nell’aprile 1980 come assistente del presidente (il fondatore di Commodore Jack Tramiel che lo ha nominato VIC-20 Product Manager).

È stato chiamato il “padre del marketing” del computer di casa. Michael è stato anche un pioniere nel settore delle telecomunicazioni, come co-progettista del Commodore VICModem, che ha concepito e contratto mentre era alla Commodore. Il VICModem è stato il primo modem con un prezzo inferiore a $ 100 e il primo modem a vendere un milione di unità.

Michael è anche un’autorità sulla nanotecnologia. È l’autore del libro del 2016, NANOINNOVATION: What Every Manager Needs to Know (Wiley, 2016) e nel 2016 ha fatto parte del NNI Review Committee (National Academy of Sciences) che ha esaminato la National Nanotechnology Initiative statunitense, da un miliardo di dollari, per consigliare modifiche e miglioramenti a questa iniziativa.

Ha anche scritto capitoli di libri e articoli sul futuro delle bioscienze, della terapia genica e delle innovazioni mediche. Durante la sua carriera, ha studiato e sviluppato best practices e strategie per la gestione di innovazioni radicali/dirompenti, in qualità di product manager/sviluppatore tecnologico, dirigente aziendale senior, consulente e program manager accademico.

Per 18 anni (1995-2014) ha fornito leadership manageriale nello studio di best practices e strategie per la gestione dell’innovazione presso The Wharton School, University of Pennsylvania; dove ha ricoperto il ruolo di amministratore delegato dell’Emerging Technologies Management Research Program (1994-2001), del Mack Center for Technological Innovation (2001-2013) e del Mack Institute for Innovation Management (2013-2014).

Si è ritirato dall’Università della Pennsylvania nel 2014 e ha lavorato come Innovator in Residence presso l’ICE Center dell’Università di Villanova (2014-2017), dove ha ospitato un evento annuale chiamato Innovation Update Day. Michael continua a essere un leader dell’innovazione.

Attualmente è Senior Advisor di FAMA Financial Holdings, un’impresa FinTech focalizzata sullo sviluppo di piattaforme e applicazioni mobili di denaro. Nell’autunno 2021 è diventato direttore fondatore di Fintech Ecosystem Development Corporation, uno sviluppatore di servizi di pagamento mobile globale e innovazioni bancarie digitali. È co-moderatore del sito Facebook della Commodore International Historical Society ed è membro del comitato scientifico del VIGAMUS di Roma.

Macchine commerciali Commodore

All’inizio degli anni ’80, Tomczyk è entrato a far parte di Commodore come stratega di marketing e assistente del presidente (il fondatore di Commodore Jack Tramiel). Quando Tramiel ha annunciato di voler sviluppare un computer domestico a basso costo accessibile “per le masse, non per le classi”, Tomczyk ha abbracciato il concetto e ha sostenuto in modo aggressivo il nuovo computer.

Il concetto per il nuovo computer è nato in una conferenza del management di Commodore presso la tenuta Fox and Hounds fuori Londra, in Inghilterra, la prima settimana di aprile 1980. Nonostante il suo status di nuovo membro del team di gestione, Tomczyk ha sostenuto vigorosamente il computer di casa (Home Computer) e al suo ritorno a Santa Clara, in California, scrisse un promemoria di 30 pagine a spaziatura singola per Tramiel, specificando specifiche, prezzi, caratteristiche e innovazioni di design che pensava dovessero essere incluse. Tramiel rimase colpito e incaricò Tomczyk di guidare lo sviluppo e lo sviluppo del mercato del nuovo computer.

Tomczyk ha chiamato il nuovo computer “VIC-20” e ha fissato il prezzo a $ 299,95. A Tomczyk fu dato il titolo aggiuntivo di “VIC Czar” (in un momento in cui Washington aveva uno “Zar dell’Energia”). Tomczyk ha reclutato un team di gestione del prodotto che ha chiamato “VIC Commandos” e ha implementato una serie di innovazioni tra cui un manuale utente unico, una guida di riferimento alla programmazione (di cui è coautore), software su nastro e cartuccia, nonché una gamma distintiva di imballaggi , annunci stampa e materiale di marketing.

Il suo motto per i VIC Commandos era “Benutzerfreundlichkeit”, che in tedesco significa facilità d’uso. Il nuovo computer è stato presentato al Seibu Department Store come VIC-1001 a Tokyo nel settembre 1980 e come VIC-20 al Consumer Electronics Show nel 1981; e successivamente in Canada, Europa e Asia. Il VIC-20 è diventato il primo microcomputer a vendere un milione di unità.

La star di Star Trek William Shatner è stata reclutata per promuovere i nuovi computer domestici. Tomczyk scherza dicendo che è stata la prima persona a mostrare a Shatner come usare un vero computer, poiché la tecnologia sui set di Star Trek erano semplicemente dei modelli.

Nel 1981 Tomczyk fondò il Commodore Information Network, una prima implementazione di una comunità di utenti. Ha appaltato l’ingegneria per (e co-progettato) il VICModem, che è diventato il primo modem con un prezzo inferiore a $ 100 e il primo a vendere un milione di unità.

Per promuovere le telecomunicazioni, ha negoziato servizi di telecomunicazioni gratuiti da CompuServe, The Source (servizio online) e Dow Jones. Nel 1982, la rete Commodore era il “sito” di traffico più grande su CompuServe. La Commodore Information Network è stata definita una delle prime comunità di utenti in stile Internet, prima che le innovazioni nell’interfaccia utente grafica dessero vita a Internet.

Il VIC-20 è stato seguito dal più potente Commodore 64. Questi computer hanno introdotto milioni di persone in tutto il mondo all’home computing e alle telecomunicazioni e hanno gettato le basi per l’informatica onnipresente in tutto il mondo.

Le esperienze di Tomczyk sono descritte nel suo libro del 1984, “The Home Computer Wars”.

Dopo Commodoro

Tomczyk lasciò la Commodore nel 1984, sei mesi dopo che Jack Tramiel lasciò l’azienda. Successivamente ha lavorato come consulente per startup tecnologiche e progetti di commercio internazionale. È stato collaboratore di Export Today Magazine per quasi 10 anni e autore di più di 150 articoli tra cui colonne di riviste di computer (Compute! And Compute! ‘S Gazette, 1980–85), una rubrica di giornali economici, capitoli di libri e numerosi articoli di riviste.

Nel dicembre 2012, Tomczyk ha parlato al lancio del Museo dei videogiochi (ViGaMus) a Roma, in Italia, che ha una mostra di computer Commodore vintage con storie e foto di Jack Tramiel e Tomczyk. Michael continua a fare da pioniere nel campo dell’innovazione radicale.

Nel 2020 e nel 2021 ha contribuito al lancio di 2 startup Fintech
(FamaCash e Fintech Ecosystem Development Corp.)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.